La mia settimana #130

La mia settimana #130

La mia settimana #130 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

L’assurda e ingiustificabile crisi di governo provocata in piena pandemia ha costretto il Presidente Conte a rassegnare le proprie dimissioni, accelerando l’avvio di un nuovo percorso di consultazioni necessario per allargare la maggioranza parlamentare.

Da mercoledì a venerdì tutti i partiti sono stati ascoltati dal Presidente Mattarella che, sulla base della loro disponibilità, ha deciso di conferire un mandato esplorativo al Presidente della Camera, Roberto Fico, al fine di verificare la conferma della maggioranza e giungere alla formazione di un nuovo Governo.

La linea del MoVimento 5 Stelle, annunciata al Capo dello Stato e confermata al Presidente Fico è chiara: occorre fare in fretta!

Abbiamo ribadito la necessità che il nuovo esecutivo sia guidato dal Presidente Giuseppe Conte e dovrà fondarsi su un patto di legislatura: un programma condiviso dalle forze politiche di maggioranza e presentato in modo trasparente agli italiani.

Dovrà essere un programma in linea con quelli che sono i nostri principi e la nostra idea di futuro, ai quali non intendiamo rinunciare. Proprio per questo abbiamo esortato gli altri partiti a mettere da parte i temi divisivi concentrandoci su ciò che realmente è fondamentale per il Paese e per tutti i cittadini.

Nessuno di noi riesce a capacitarsi come sia possibile che in un momento così difficile, come quello che stiamo attraversando, qualcuno abbia pensato di causare una crisi politica priva di qualsiasi ragione.

In questi giorni avremmo voluto e dovuto parlare del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, messo a punto dal governo per utilizzare i 209 miliardi del Recovery Plan. Avremmo voluto affrontare il tema della campagna vaccini, partita con grande successo, ma che negli ultimi giorni ha subito qualche rallentamento a causa del mancato rispetto degli oneri contrattuali delle case farmaceutiche nelle forniture di dosi a tutti i Paesi europei.

Avremmo dovuto discutere soprattutto del nuovo decreto ristori, con il quale dovranno essere stanziati i 32 miliardi di euro dello scostamento di bilancio che abbiamo autorizzato la scorsa settimana in Parlamento. Risorse necessarie per mettere in campo nuove misure per sostenere lavoratori, famiglie e imprese in difficoltà, intervenire sulle scadenze fiscali e per aiutare gli enti locali in sofferenza. Questo è ciò che realmente interessa ai cittadini, e il motivo per cui noi sediamo in Parlamento.

La crisi di governo provoca effetti anche sull’attività Parlamentare. Fino alla costituzione di un nuovo Governo, le attività di entrambe le Camere sono limitate allo svolgimento di atti urgenti, come l’esame dei disegni di legge di conversione dei decreti-legge, mentre le Commissioni potranno convocarsi solo per esprimere il proprio parere su atti del Governo in scadenza, per proseguire i cicli di audizioni già avviati, tra i quali le audizioni delle commissioni bilancio e affari europei sul Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Nella giornata di mercoledì in Aula abbiamo definitivamente approvato in Aula il decreto Covid che ha dettato le misure di contenimento delle ultime settimane, ma ha anche disciplinato la progressiva ripresa delle attività didattiche in presenza e, nell’attesa del nuovo decreto ristori, ha stanziato 645 milioni di euro da destinare a fondo perduto a ristoranti, gelaterie, pasticcerie e bar.

L’attività in Commissione Affari costituzionali, oltre ad essere stata dedicata all’esame di questo decreto in vista del dibattito in Aula, ha previsto l’inizio del dibattito sull’ultimo decreto-legge riguardante la proroga dello stato di emergenza e le ulteriori misure per il contenimento dell’epidemia.

Personalmente e come MoVimento 5 Stelle stiamo continuando a fare tutto il possibile per superare questa crisi politica e favorire la formazione di un nuovo Governo capace di condurre il Paese fuori da questa crisi economica e sanitaria. Vogliamo farlo insieme al Presidente Giuseppe Conte e vogliamo farlo in fretta!

Non c’è tempo da perdere!

Share
Back to top