LA MIA SETTIMANA

La mia settimana #141

La mia settimana #141 960 540 Vincenzo Maurizio Santangelo

Siamo giunti oggi al termine di un’altra intensa settimana parlamentare.

In Aula nelle giornate di martedì e mercoledì abbiamo votato diversi atti di indirizzo al Governo riguardanti importanti argomenti, tra tutti quello sull’adozione di un nuovo Piano oncologico nazionale, sulla campagna vaccinale contro il coronavirus e sulla cittadinanza italiana a Patrick Zaki.

Con il primo, in particolare, si è previsto l’impegno del Governo ad approvare con urgenza un nuovo Piano oncologico nazionale che ponga al centro della programmazione le reti oncologiche regionali e la più vasta rete oncologica nazionale.

Riguardo alla campagna vaccinale abbiamo chiesto al Governo di migliorare il metodo di rilevazione dei dati sui contagi, implementando il piano vaccinale che deve essere come unico ordine di priorità i pazienti estremamente vulnerabili e sia uniforme in tutto il territorio nazionale. Un impegno è stato assunto anche nel senso di garantire le vaccinazioni a tutti coloro che si trovano fuori sede per motivi di studio, lavoro, presso la regione in cui si trovano temporaneamente domiciliati.

Di grande importanza anche l’ordine del giorno approvato per richiedere l’impegno del Governo ad adoperarsi al fine di ottenere la liberazione di Patrick Zaki, partendo proprio dalla immediata concessione della cittadinanza italiana. Un messaggio chiaro e significativo, una forte presa di posizione che schiera il nostro Paese nella dura e ferma battaglia contro ogni forma di violazione dei diritti umani e civili.

Le altre mozioni hanno invece riguardato la realizzazione di un piano strategico per la siderurgia, la celebrazione del 150° anniversario di Roma Capitale e la rimozione dell’embargo nei confronti di Cuba.

Martedì ho depositato un’interrogazione per sottoporre al governo il grave rallentamento subito dalle adozioni internazionali, chiedendo di attivarsi per velocizzare il relativo l’iter, partendo proprio dalle pratiche pendenti. I ritardi oggi interessano oltre 200 coppie in attesa di un ultimo adempimento burocratico necessario per coronare il sogno di allargare la propria famiglia.

In Commissione abbiamo avviato l’esame del decreto sul riordino dei Ministeri già approvato in prima lettura dalla Camera dei Deputati. Si tratta del provvedimento che ha istituito il nuovo Ministero della Transizione ecologica. Abbiamo poi proseguito l’esame sull’ultimo decreto Covid che ha prorogato le misure di contenimento attualmente vigenti fino al 30 di aprile intervenendo anche sulle modalità di svolgimento dei concorsi pubblici, tema sul quale stiamo valutando di intervenire con degli emendamenti.

Questa settimana è arrivata un’importante notizia per il Sud e per la Sicilia con la pubblicazione delle graduatorie definitive del Programma di Azione e Coesione PAC 2014/2020 che stanzia 250 milioni (14,7 per la Sicilia) per finanziare interventi di efficientamento energetico e mobilità sostenibile nelle aree portuali.

Tra i progetti che riceveranno i fondi c’è anche quello del Comune di Trapani, che otterrà i 2,6 milioni per la fornitura di bus a bassa emissione per il collegamento tra il porto e il parcheggio Egadi.

Il Presidente del Consiglio ha ufficializzato che nelle prossime settimane si procederà alle riaperture in sicurezza, ma intanto il Parlamento deve continuare a dare le risposte che tutti i cittadini aspettano. Proprio per questo, la prossima sarà una settimana molto importante. In Aula arriverà il Documento di economia e finanza, ma soprattutto dovremo votare il nuovo scostamento di bilancio di 40 miliardi di euro, necessario e urgente per mettere a disposizione del Governo nuove risorse per adottare misure straordinarie a sostegno di tutti i cittadini più in difficoltà a causa della crisi.

La mia settimana #140

La mia settimana #140 960 540 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’altra settimana parlamentare.

In Aula abbiamo approvato in prima lettura il decreto che rinvia alla sessione autunnale le elezioni amministrative e regionali previste per questa primavera. Tutti avremmo voluto votare la scadenza naturale del mandato elettorale, ma purtroppo non è stato possibile a causa dell’aumento del numero dei contagi e delle misure restrittive attualmente in vigore. Abbiamo approfittato di questo provvedimento per introdurre significative modifiche volte a migliorare il procedimento elettorale, come l’abbassamento dal 50 al 40% del quorum in caso di unica lista ammessa nei comuni fino a 15.000 abitanti e la digitalizzazione di alcuni adempimenti in sede di presentazione dei documenti elettorali. Chiaramente l’auspicio di tutti noi resta quello di potere allentare gradualmente le misure restrittive ed evitare ulteriori rinvii elettorali!

Le sedute d’aula di mercoledì e giovedì sono poi proseguite con l’esame di mozioni aventi ad oggetto importanti argomenti come il cashback e le cure domiciliari per i pazienti affetti da Covid-19. È stata bocciata la mozione del centrodestra che chiedeva l’abolizione del cashback. Le ultime stime su questa misura prevedono un maggiore gettito di 9 miliardi da oggi al 2025 oltre a 23 miliardi in termini di maggiori consumi in un biennio. Sul tema è stato approvato l’ordine del giorno della maggioranza che prevede l’impegno del governo a monitorare la norma per verificare se occorrono correttivi. Con la mozione sulle cure domiciliari invece abbiamo chiesto al Governo l’aggiornamento dei protocolli e delle linee guida per la presa in carico domiciliare al fine di migliorare l’assistenza domiciliare e prevenire il ricovero.

Mercoledì pomeriggio ho partecipato alla conferenza dei Capigruppo. Si tratta della riunione tra tutti i rappresentanti dei gruppi in Senato volta a definire il calendario dei lavori del Senato delle prossime settimane, che saranno finalizzate alla rapida approvazione e conversione in legge del decreto Sostegni!

In Commissione Affari costituzionali, oltre al già citato decreto elezioni, poi approvato in Aula, abbiamo proseguito l’esame della riforma costituzionale per introdurre in Costituzione la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli animali.

Nella seduta di giovedì invece abbiamo avviato il dibattito sull’ultimo decreto Covid che ha prorogato le misure di contenimento attualmente vigenti fino al 30 di aprile. Un provvedimento che ha anche previsto la riapertura delle scuole fino alla prima media anche nelle zone rosse: 5 milioni di studenti sono finalmente ritornati a scuola!

Durante la settimana siamo stati concentrati sul decreto Sostegni, al momento all’esame delle Commissioni Bilancio e Finanze, studiando le modifiche da apportare in fase emendativa.

Le risorse stanziate che nei prossimi giorni verranno accreditati a imprese e cittadini, però non possono bastare. Siamo pronti a votare un nuovo scostamento di bilancio da almeno 20 miliardi di euro per mettere in campo nuove misure straordinarie. Fin quando non potremo dire superato il periodo di emergenza dovremo proseguire quanto di buono fatto per l’intero 2020 dal Governo Conte: ristori a imprese, famiglie e cittadini erogati in tempi brevi!

La mia settimana #139

La mia settimana #139 960 540 Vincenzo Maurizio Santangelo

Siamo giunti al termine di un’altra intensa settimana parlamentare.

Martedì in Aula abbiamo approvato in via definitiva la legge delega al Governo per riordinare, semplificare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico e della natalità, che istituisce l’assegno unico universale.

Grazie a questo strumento tutte le famiglie con figli a carico da 0 fino a 21 anni, riceveranno un assegno mensile fino a 250 euro al mese. L’importo sarà diviso in parti uguali tra i genitori, dipenderà dal reddito e sarà maggiorato a partire dal terzo figlio e in presenza nel nucleo familiare di bambini disabili.

A fine seduta sono intervenuto in Aula per denunciare i gravissimi fatti emersi dall’indagine della Procura di Trapani che hanno svelato l’inquietante sistema utilizzato dalla Regione basato – sembrerebbe – sulla falsificazione dei dati relativi all’andamento dell’epidemia trasmessi all’Istituto Superiore di Sanità. L’ordinanza di misura cautelare disposta dal Tribunale di Trapani ha disposto l’arresto di una dirigente della Regione e di due suoi collaboratori, mentre l’Assessore alla Salute, Ruggero Razza – anche lui indagato – si è dimesso dopo poche ore.

Insieme a tutto il Gruppo MoVimento 5 Stelle del Senato, ho depositato un’interpellanza urgente per chiedere al Ministro della Salute di venire a riferire in Parlamento, su questi gravissimi fatti che hanno messo a serio rischio la salute dei cittadini siciliani.

L’unica strada possibile, adesso, è il commissariamento della sanità regionale siciliana!

Mercoledì abbiamo approvato in Aula il decreto che disciplina lo svolgimento dell’esame di stato di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato alla luce delle misure restrittive in atto. In particolare, si prevede per la sola sessione del 2020 (prevista per lo scorso dicembre, ma rinviata a causa della seconda ondata di contagi) che l’esame si articolerà in due prove orali volte ad accertare la conoscenza teorico-pratica delle materie.

In un momento di grande difficoltà per tutti noi, questo provvedimento è necessario per garantire la possibilità ai circa 26.000 aspiranti avvocato di coronare il proprio sogno di esercitare la professione!

Giovedì in Aula abbiamo votato la risoluzione contenente le osservazioni al Governo per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Il testo approvato è il frutto di un intenso lavoro svolto in ciascuna commissione permanente nella parte del Piano di propria competenza.

Per quanto riguarda la Commissione Affari costituzionali, tra le altre, abbiamo chiesto al Governo di:
– Semplificare ulteriormente la burocrazia (anche per gli enti locali);
– Prevedere una maggiore coesione territoriale per ridurre il divario digitale e contrastare il fenomeno dello spopolamento di alcune aree del Paese;
– Riformare le politiche in materia di parità di genere in modo da garantire sempre la valorizzazione del merito;
– Gantire la banda larga e l’accesso ad Internet in tutto il territorio nazionale;
– Creare una piattaforma digitale pubblica centralizzata per controllare lo stato di applicazione dei progetti del Recovery;
– Istituire conferenze decisorie per superare i dissensi delle amministrazioni e garantire la pronta conclusione dei progetti del Recovery.

Osservazioni che si aggiungono a quelle delle altre Commissioni che ora costituiranno un prezioso indirizzo per il Governo nella redazione della versione definitiva del PNRR da trasmettere all’#Europa!

Durante la settimana, in Commissione Affari costituzionali abbiamo proseguito l’esame del decreto legge adottato per rinviare le elezioni dei consigli comunali e circoscrizionali previste per la prossima primavera, a una tornata elettorale tra il 15 settembre al 15 ottobre 2021, a causa della nuova crescita della curva dei contagi e del disegno di legge per istituire una commissione parlamentare sulla diffusione di informazioni false. È proseguito anche il ciclo di audizioni sul disegno di legge che introduce specifiche norme per promuovere l’equilibrio di genere nelle posizioni apicali degli organi dello Stato e delle società pubbliche.

Questa settimana ho anche depositato un’interrogazione al Ministro della Salute per porre l’attenzione su una particolare categoria di pazienti che anche a distanza di mesi dall’essersi negativizzati dal Covid, continuano a presentare sintomi e disturbi, spesso debilitanti.

Negli scorsi giorni sono venuto a conoscenza dei ritardi dell’ASP di Trapani nel servizio di vaccinazione a domicilio. Sembrerebbe – addirittura – che sia soltanto una l’unità mobile messa a disposizione dell’ASP di Trapani e che siano sconosciuti sia il numero di richieste pervenute che i tempi di erogazione del servizio. Per questo, insieme alla deputata Vita Martinciglio, abbiamo deciso di presentare una formale istanza di accesso agli atti per avere ulteriori informazioni sull’andamento della campagna vaccini in provincia di Trapani e in particolare sul servizio di vaccinazione a domicilio destinato alle fasce di cittadini più fragili.

I cittadini chiedono chiarezza!

La mia settimana #138

La mia settimana #138 960 540 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’altra settimana parlamentare, dedicata prevalentemente ai lavori delle Commissioni.

Mercoledì in Aula abbiamo seguito le Comunicazioni del Presidente del Consiglio in vista del Consiglio europeo di giovedì e venerdì. Si tratta di un impegno molto importante in cui si è discusso di temi molto importanti, primo tra tutti la risposta alla pandemia di Covid-19, ma anche la politica industriale, la trasformazione digitale, le relazioni con la Russia e la situazione nel Mediterraneo orientale.

Dobbiamo esigere il rispetto degli impegni assunti dalle case farmaceutiche con la consapevolezza che dalla buona e rapida riuscita del piano vaccini passa la ripartenza del nostro Paese!

Nella giornata di mercoledì ho depositato due interrogazioni parlamentari, riguardanti due temi molto importanti. La prima per chiedere al Ministro della Salute di dare priorità nella vaccinazione anche a quelle coppie in attesa di partire per conoscere i loro bambini adottivi. Bastano poche decine di dosi per sottrarre tanti bambini ad altri lunghi giorni di attesa delle loro nuove famiglie (  ).

L’altra interrogazione riguarda il tema del Superbonus. Da quasi 3 mesi il Ministero dello sviluppo economico non ha ancora adottato il decreto di riparto delle risorse stanziate con la Legge di bilancio per il 2021 al fine di favorire nuove assunzioni a termine nei Comuni per far fronte alle tante pratiche richiesta dalle istanze relative al Superbonus 110%. Con questa interrogazione ho chiesto al Ministro di fare presto ad adottare questo decreto fondamentale per le nostre amministrazioni.

In Commissione Affari costituzionali ci siamo occupati di diversi provvedimenti. Nella seduta di martedì abbiamo votato il testo base della riforma costituzionale per introdurre in Costituzione la tutela dell’ambiente e degli ecosistemi, nell’interesse delle future generazioni, nonché la protezione della biodiversità e degli animali. Sulla base di questo nuovo testo, adesso potrà essere avviato il dibattito su questa importante riforma, con l’obiettivo di approvarla il più presto possibile.

Tra gli altri provvedimenti trattati, abbiamo proseguito l’esame del decreto legge che ha disposto il rinvio delle consultazioni elettorali amministrative, reso necessario a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria, e del disegno di legge costituzionale che interviene sull’articolo 75 della Costituzione per introdurre il vincolo per il legislatore di rispettare la volontà popolare espressa con referendum abrogativo. È proseguito anche il ciclo di audizioni sul disegno di legge riguardante l’equilibrio di genere nelle cariche pubbliche.

Nel corso della settimana, il Commissione Affari costituzionali abbiamo anche fornito parere favorevole al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per le parti di competenza della nostra Commissione. Tra le osservazioni presentate chiediamo al Governo una semplificazione degli adempimenti burocratici per gli enti locali, il recupero e la ristrutturazione degli edifici delle forze dell’ordine, una maggiore coesione territoriale per ridurre il divario digitale e contrastare il fenomeno dello spopolamento di alcune aree del nostro Paese, la promozione della parità di genere, che sia garantita la banda larga e l’accesso ad Internet in tutto il territorio nazionale, la creazione di una piattaforma digitale pubblica centralizzata per controllare lo stato di applicazione, il taglio della burocrazia, l’istituzione di conferenze decisorie per superare i dissensi delle amministrazione e garantire la pronta conclusione dei procedimenti amministrativi.

La prossima settimana voteremo in Aula il disegno di legge delega per il riordino, la semplificazione e il riordino delle misure a sostegno dei figli a carico attraverso l’assegno unico e universale e dall’esame del decreto Sostegni. Un provvedimento molto importante che oltre ad aver previsto ristori a fondo perduto per imprese e professionisti, alle misure di sostegno all’occupazione e alla povertà e alle ingenti risorse stanziate per accelerare il piano vaccini, ha previsto ingenti risorse destinate alle Regioni e a tutti gli altri Enti territoriali.

La mia settimana #137

La mia settimana #137 960 540 Vincenzo Maurizio Santangelo

Termina oggi un’altra settimana parlamentare, dedicata prevalentemente ai lavori di Commissione.

Martedì pomeriggio in Aula è stato annunciato l’avvio dell’esame del nuovo decreto legge che disciplina lo svolgimento dell’esame di stato di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato alla luce delle misure restrittive in atto. In particolare, si prevede per la sola sessione del 2020 (già rinviata) che l’esame si articolerà in due prove orali volte ad accertare la conoscenza teorico-pratica delle materie.

Mercoledì in Commissione Affari costituzionali abbiamo approvato in sede deliberante il disegno di legge che istituisce per il 18 marzo di ciascun anno la Giornata nazionale delle vittime da Covid per commemorare il ricordo delle oltre 100mila vittime mietute da questo maledetto virus dall’inizio della pandemia.

Nel resto della settimana in Commissione è stato avviato il dibattito sul decreto legge adottato per rinviare le elezioni dei consigli comunali e circoscrizionali previste per la prossima primavera, a una tornata elettorale tra il 15 settembre al 15 ottobre 2021. Un altro provvedimento resosi necessario a seguito della nuova crescita della curva dei contagi. Abbiamo anche proseguito l’esame del disegno di legge che mira ad istituire una Commissione parlamentare di inchiesta sulla diffusione di informazioni false e l’esame del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Per quanto riguarda la nostra Commissione, stiamo analizzando tutti i vari aspetti riguardanti la Missione 1 in tema di Digitalizzazione, innovazione e sicurezza nella PA, per i quali il Piano prevede ben 11,75 miliardi di euro.

Proporremo di introdurre all’interno del Piano la piena pubblicità sull’attuazione dei progetti, tramite una piattaforma pubblica centralizzata e il netto taglio della burocrazia, con una semplificazione delle procedure amministrative al fine di facilitare la conclusione di procedimenti che spesso restano bloccate a causa di tutti i livelli di amministrazione coinvolte.

All’interno del Piano dovrà trovare spazio anche la proroga del Superbonus fino a tutto il 2023. I dati confermano il grande successo della misura nei primi mesi di applicazione e i benefici per l’ambiente e per la nostra economia.

Un’altra importante novità di questa settimana riguarda la firma del Ministro dell’Istruzione al decreto di riparto dei 1,125 miliardi di euro stanziati in favore delle Province per finanziare interventi di messa in sicurezza, riqualificazione energetica e nuova costruzione nelle scuole superiori di tutta Italia. Alla Sicilia andrà più del 10% delle risorse, pari a 111.504 milioni di euro.

Venerdì sono stato intervistato dai ragazzi del Liceo Scientifico di Trapani. Abbiamo parlato dell’importante novità riguardante la Linea ferroviaria Palermo-Trapani via Milo. Si tratta di un collegamento fondamentale per la Sicilia occidentale e in particolare per i due capoluoghi di provincia. La tratta risulta chiusa dal 2013 a causa di un cedimento strutturale e i lavori sono rimasti a lungo bloccati tra mille lungaggini burocratiche mai risolte. Adesso, grazie alle semplificazioni al Codice degli appalti fortemente volute dal MoVimento 5 Stelle, i lavori potranno finalmente ripartire!

Venerdì il Consiglio dei Ministri ha approvato il nuovo decreto Sostegni, utilizzando finalmente i 32 miliardi di euro messi a diposizione dal Governo Conte. All’interno del decreto sono previste 5 linee di intervento:
1) contributi a fondo perduto per le imprese (11 miliardi);
2) sostegno al lavoro e alla povertà (8 miliardi);
3) salute e sicurezza (5 miliardi), di cui 2,8 miliardi per l’acquisto di vaccini e farmaci contro il Covid;
4) trasferimenti agli enti locali per compensare le perdite di gettito subite e sostenere il trasporto pubblico locale;
5) misure di sostegno specifiche per i settori più colpiti dall’emergenza;

Adesso mettiamoci subito al lavoro per migliorare ulteriormente il decreto e per lasciarci una volta per tutte alle spalle questo maledetto virus!

La mia settimana #136

La mia settimana #136 960 540 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’altra settimana parlamentare. Stiamo affrontando la fase decisiva nella battaglia contro la pandemia. Il piano vaccini è stato rafforzato e nelle prossime settimane arriveranno nuove forniture, favorite anche dal via libera dell’Ema alla somministrazione di nuovi vaccini. Dobbiamo però prestare massima attenzione al nuovo aumento della curva dei contagi che sta colpendo il nostro Paese.

Per questo il Governo ha deciso di adottare un nuovo decreto legge in cui è stata confermata la divisione in fasce, a seconde delle zone di rischio, prevedendo una zona rossa generalizzata per limitare gli spostamenti nella settimana di Pasqua.

Deve essere chiaro che le nuove chiusure rendono indispensabile il nuovo decreto ristori. Sono passati quasi due mesi da quando in Parlamento abbiamo autorizzato uno scostamento da 32 miliardi di euro, quindi mi auguro che il decreto venga adottato già nei prossimi giorni, il Governo faccia in fretta!!

Mercoledì in Aula abbiamo discusso e approvato in prima lettura il Decreto Coni. Un provvedimento necessario per garantire la piena operatività del CONI e la sua indipendenza come componente del Comitato olimpico internazionale, con la ricostituzione della pianta organica e l’assegnazione dei beni strumentali per lo svolgimento delle proprie funzioni istituzionali. Pensate che senza questo provvedimento l’Italia avrebbe rischiato di non potere partecipare alle prossime Olimpiadi!

Lo Sport è stato da sempre un tema fondamentale per il MoVimento 5 Stelle. Solo pochi giorni fa siamo riusciti ad approvare una storica riforma che finalmente riconosce la figura del lavoratore sportivo e afferma, senza alcuna distinzione di genere, il principio di parità di trattamento tra professionisti e dilettanti e quello delle pari opportunità anche per le persone con disabilità nell’accesso al lavoro sportivo.

In Commissione Affari costituzionali è stata una settimana di importanti audizioni, e in particolare sulle linee programmatiche riguardanti il programma in tema di pubblica amministrazione e sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Per quanto riguarda la pubblica amministrazione, l’intenzione del Governo è quella di velocizzare il ricambio generazionale (incentivando i pensionamenti) con l’immissione di nuove giovani competenze. Con lo stop al blocco del turn over e ai limiti di assunzioni per motivi di conti pubblici si favoriranno i nuovi concorsi da concludere in tempi brevi. Sarà anche fondamentale procedere alla totale digitalizzazione degli uffici e dei servizi pubblici!

Per raggiungere questi obiettivi sarà decisivo spendere nel migliore dei modi le risorse del Recovery Plan. In queste settimane ciascuna commissione delle Camere sta esaminando le parti di propria competenza del PNRR presentato dall’ex Governo Conte.

Per quanto riguarda la Commissione Affari costituzionali, stiamo analizzando gli obiettivi della Missione 1 in tema di Digitalizzazione, innovazione e sicurezza nella PA, per i quali il Piano prevede 11,75 miliardi di euro.

Stiamo studiando a fondo. Le nostre osservazioni e le nostre proposte potranno essere inserite all’interno di una risoluzione approvata in Aula ed essere prese in considerazione dal Governo per la redazione del Piano finale da presentare all’Europa entro il 30 aprile prossimo.

Nel corso della settimana ho deciso di depositare un’interrogazione per sottoporre al Ministro dell’Istruzione la problematica riguardante gli alunni disabili siciliani che dall’inizio di quest’anno sono stati privati dell’assistenza specialistica igienico-sanitaria. Un servizio d’eccellenza per anni fornito grazie alle risorse stanziate dalla Regione.

Con l’interrogazione presentata in Senato, chiedo un formale impegno anche al Governo nazionale a porre rimedio a questa situazione e lavorare per ripristinare questo servizio fondamentale.

La mia settimana #135

La mia settimana #135 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

Termina oggi un’altra settimana parlamentare.

Da sabato è entrato in vigore il nuovo DPCM contenente una proroga delle misure restrittive finora previste, con la divisione delle Regioni in 4 fasce di colore (rossa, arancione, gialla, bianca) introducendo qualche piccola novità.

In particolare, nelle zone “rosse” si passerà alla didattica a distanza e chiuderanno parrucchieri, barbieri e centri estetici. Prorogato fino al 27 marzo lo stop agli spostamenti tra Regioni.

Sempre a partire dal 27 marzo, si prevedono anche delle progressive riaperture: in zona gialla i musei resteranno aperti anche il sabato e nei festivi e potranno riaprire anche teatri, cinema su prenotazione e con capienza massima del 25%.

Nel corso della settimana abbiamo approvato prima in Commissione Affari costituzionali e poi in Aula in prima lettura il decreto Covid. Un provvedimento che ha prorogato le misure di contenimento dell’epidemia e introdotto nuove disposizioni per rendere più rapido ed efficace il piano vaccini. Dopo oltre un anno di rinunce, il nostro più grande desiderio è quello di ritornare a vivere con normalità. Abbassare la guardia proprio adesso che siamo a un passo dal riuscirci, significherebbe rischiare di vanificare gli sforzi fatti finora.

Adesso il decreto passerà all’esame della Camera dei Deputati per la definitiva approvazione.

Nella seduta d’Aula di giovedì, dopo avere approvato un disegno di legge che dichiara monumento nazionale lex campo di prigionia di Servigliano, si è svolto il question time.

Anche in Commissione Affari costituzionali abbiamo avviato l’esame sulla proposta di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). I lavori del Senato della prossima settimana saranno dedicati all’esame di questo importante provvedimento, sul quale tutte le Commissioni parlamentari sono chiamate ad esprimere le proprie osservazioni al Governo in vista del termine entro cui la versione definitiva del Piano dovrà essere trasmessa alla Commissione Ue.

Sempre in commissione, nel corso della settimana abbiamo anche proseguito l’esame del disegno di legge costituzionale per introdurre in Costituzione il tema della tutela dell’ambiente e dell’ecosistema: si tratta del primo passo che intendiamo completare in tempi brevi al fine di avviare il rivoluzionario processo di transizione ecologica dell’Italia.

Questa settimana ci siamo occupati anche di un tema importantissimo riguardante la brusca interruzione del servizio di assistenza specialistica igienico-sanitaria agli alunni con disabilità siciliani. Una tematica che riguarda tutta la Regione Siciliana, oltre 2.000 operatori e tutti gli alunni disabili dell’Isola, e vede il coinvolgimento di tutte le amministrazioni, da quella statale a quella regionale e locale. Il nostro obiettivo è ripristinare al più presto questo servizio fondamentale per garantire un’effettiva parità di trattamento con le altre Regioni. Ecco il comunicato stampa completo ( http://vincenzomauriziosantangelo.it/sia-garantita-lassistenza-igienico-personale-agli-alunni-disabili-siciliani/ ).

Nel corso della settimana è arrivata una buona notizia! E’ stato emanato il decreto interministeriale che distribuisce 1,8 miliardi di euro ad oltre 1.900 comuni di tutta Italia che andranno a finanziare più di 2.800 opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio. Ben 105 milioni andranno a finanziare 134 opere in Sicilia. Nella provincia di Trapani, sono previsti interventi per 1,4 milioni nel Comune di Pantelleria e per 995mila euro nel Comune di San Vito Lo Capo!

Sono tante le sfide che ci attendono nei prossimi mesi. Deve essere chiaro che se abbiamo scelto, tutti insieme, di far parte di questo nuovo Governo è stato per continuare a portare avanti le nostre battaglie, tra tutte quella sulla crescita sostenibile del Paese, tramite il Ministero della Transizione Ecologica.

Poco più di un mese fa, Giuseppe Conte ha detto “per il Movimento 5 Stelle ci sono e ci sarò”. È un impegno che ha preso pubblicamente e che intende onorare. Gli è stato chiesto di scrivere insieme un progetto per il futuro del Movimento. Non parliamo di un futuro a breve termine ma dell’unico orizzonte che una forza politica moderna deve considerare: il 2050.

Continuiamo a lavorare per portare avanti la rivoluzione MiTE del MoVimento 5 Stelle!

La mia settimana #134

La mia settimana #134 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’altra intensa settimana parlamentare.

Con la nomina dei sottosegretari il Governo è pienamente operativo e le attività di entrambe le Camere possono riprendere a pieno ritmo.

Voglio augurare buon lavoro ai nuovi sottosegretari del MoVimento 5 Stelle: Laura Castelli (Economia), Anna Macina (Giustizia), Rossella Accoto (Lavoro e politiche sociali), Ilaria Fontana (Ambiente, Transizione ecologica ed energia), Alessandra Todde (Sviluppo economico), Giancarlo Cancelleri (Infrastrutture e trasporti), Pierpaolo Sileni (Salute), Manlio Di Stefano (Affari esteri), Carlo Sibilia (Interni), Dalila Nesci (Sud e coesione territoriale), Barbara Floridia (Istruzione).

Un ringraziamento a tutti i sottosegretari uscenti per la professionalità e la dedizione con cui hanno portato avanti le nostre battaglie, sempre con coraggio e determinazione.

Sono stati molti a notare che il nuovo Governo Draghi sta procedendo in perfetta continuità con quanto fatto dal Governo Conte. Il motivo è semplice: la linea del governo non è cambiata perché il MoVimento 5 Stelle continua ad avere un peso preponderante all’interno della nuova maggioranza!

Lunedì il Consiglio dei Ministri ha varato un nuovo decreto legge per prorogare le misure di contrasto all’epidemia, e in particolare la suddivisione delle Regioni in 3 fasce di colore, con la proroga al 27 marzo del divieto di spostamento tra Regioni. Inoltre, con il nuovo decreto (nelle sole Regioni rosse) non sarà più consentito andare a trovare parenti e amici. D’altronde, anche il Ministro della Salute, che abbiamo ascoltato mercoledì in Aula, ha confermato la necessità di procedere con grande prudenza vista la crescita del numero dei contagi registrata nelle ultime settimane.

Mercoledì mattina in Aula si è svolta anche l’informativa del Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, sui tragici eventi accaduti in Congo del 22 febbraio, che hanno causato la tragica scomparsa dell’Ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci. Alle famiglie e ai loro affetti più cari va il mio costante pensiero e tutta la mia vicinanza.

Nella giornata di giovedì abbiamo discusso e votato in Aula il decreto Milleproroghe. Questo provvedimento è stato un primo banco di prova e ha dimostrato quanto fosse importante essere all’interno della maggioranza. Siamo riusciti a vincere le resistenze delle altre forze politiche e ad approvare importanti misure come lo stop alle nuove trivelle almeno fino al prossimo 30 settembre e la proroga fino al 2023 del passaggio al mercato libero dell’energia elettrica e del gas. Abbiamo anche sventato tutti i tentativi di demolire la nostra riforma sullo stop alla prescrizione! Il tema sarà riaffrontato nell’ambito della riforma organica del processo. Una cosa è certa: noi non indietreggeremo, e il nostro obiettivo è quello di velocizzare i processi e smaltire il carico di lavoro dei nostri tribunali, garantendo giustizia certa in tempi rapidi.

Un’altra importante novità riguarda l’approvazione di un mio Ordine del giorno, poi sottoscritto da tutto il Gruppo M5S Senato, contenente l’impegno del Governo a prorogare il Superbonus 110% fino al 2023.

Siamo riusciti a ottenere già da questo primo provvedimento importanti risultati d’altronde se ricordate il motivo per cui abbiamo deciso insieme a tutti gli scritti di sostenere questo governo era proprio quello di difendere i nostri provvedimenti e di portare avanti le nostre battaglie. Ecco tutte le novità più importanti contenute nel decreto!

Venerdì mattina il Consiglio dei Ministri ha adottato il decreto che istituisce ufficialmente il nuovo Ministero per la Transizione ecologica, accorpando al vecchio Ministero dell’Ambiente tutte le competenze in tema di energia, prima appartenenti al Ministero dello Sviluppo economico. Si tratta di un grande risultato per il futuro del nostro Paese, un’altra promessa mantenuta! Lo stesso Consiglio dei Ministri ha anche approvato i decreti legislativi che attuano la Riforma dello Sport voluta dal Ministro Spadafora.

Sabato mattina sono stato ospite della trasmissione “Super Partes” in onda su Canale 5. Con il conduttore Luigi Fenderico abbiamo parlato di diverse tematiche di attualità, dal piano vaccini ai provvedimenti che il MoVimento 5 Stelle continuerà a portare avanti in Parlamento. Qualora ve la foste persa, eccola!

La mia settimana #133

La mia settimana #133 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’altra settimana parlamentare.

Mercoledì in Aula il Presidente del Consiglio ha illustrato il programma e l’azione di Governo. Diversi sono stati i punti toccati durante il suo discorso a partire dalla lotta contro la pandemia dove il piano vaccini da portare avanti con grande determinazione rappresenta un percorso necessario per il ritorno alla normalità.

Il Governo dovrà occuparsi di importanti riforme: dal fisco alla giustizia, dalla sanità alla scuola e alla ricerca, dalla lotta alle diseguaglianze alla tutela dei lavoratori; dalla tutela dell’occupazione con maggiore attenzione a donne e giovani, i più colpiti da questa pandemia. Centrale sarà soprattutto il tema della transizione ecologica del Paese: ogni atto di questo governo dovrà essere orientato in ottica ambientalista e servirà mettere in primo piano il futuro dell’ambiente conciliandolo con il progresso.

E poi c’è il Recovery Fund, sul quale il Presidente Draghi ha confermato di voler partire dall’ottimo piano scritto dal Governo Conte e promosso anche dall’Europa (a differenza di quanto sosteneva qualcuno…).

Votare la fiducia a questo Governo non è stato semplice per nessuno di noi. Ne abbiamo discusso a lungo negli ultimi giorni, ma abbiamo ritenuto che questa fosse la scelta migliore per far pesare i nostri numeri in Parlamento e continuare e mettere il MoVimento 5 Stelle a disposizione del Paese. Una via qualche giorno fa indicata anche da Giuseppe Conte, confermata dal voto su Rousseau della scorsa settimana.

E in effetti siamo già riusciti a raggiungere un primo importante risultato. Grazie a un emendamento al decreto milleproroghe, siamo riusciti a prorogare fino al 2023 l’entrata in vigore del passaggio al mercato libero dell’energia elettrica e del gas. E ci siamo riusciti nonostante le resistenze delle altre forze di maggioranza. Un ottimo risultato per imprese e cittadini che non avremmo ottenuto se fossimo stati all’opposizione!

Sia chiaro però che non si tratta e non si tratterà mai di una fiducia incondizionata. Terremo costantemente il fiato sul collo su tutti gli altri e valuteremo di volta in volta i provvedimenti che arriveranno in Parlamento. Se dovremo votare provvedimenti che vadano nella direzione di una riduzione della pressione fiscale, del rafforzamento della medicina territoriale, di una giustizia più rapida ed efficace, di una maggiore attenzione verso i giovani, della parità di genere, noi ci saremo. Altrimenti saremo pronti a staccare la spina in qualsiasi momento.

Nei prossimi mesi quindi lotteremo per difendere i provvedimenti che con tanta fatica abbiamo conquistato in questi anni, porteremo al tavolo i nostri temi e controlleremo tutte le carte che passeranno per bloccare ogni iniziativa contro i cittadini. Ma soprattutto vogliamo investire nel migliore dei modi 209 miliardi del Recovery Fund, partendo proprio dalla transizione ecologica del Paese.

Nel corso della settimana sono anche ripresi i lavori delle Commissioni. In Commissione Affari costituzionali nei prossimi giorni concluderemo l’esame del decreto che ha stabilito le ulteriori disposizioni per il contenimento dell’epidemia Covid-19 e sulle elezioni 2021 e del decreto Milleproroghe. Entrambi i provvedimenti arriveranno in Aula in Senato la prossima settimana per essere definitivamente approvati.

Stanno tentando di dividerci, non hanno mai smesso di provarci. Ma in questo momento è fondamentale restare uniti. Insieme siamo più forti!

La mia settimana #132

La mia settimana #132 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’importante settimana.

A inizio settimana, abbiamo avuto un secondo incontro con il Presidente Mario Draghi. Come sempre abbiamo messo al centro le nostre idee e quelle che riteniamo essere le priorità per il Paese. Abbiamo raccolto un’ampia disponibilità a porre in primo piano il tema dello sviluppo sostenibile, ottenendo subito un importante risultato: il nuovo Governo ha un ministero dedicato alla transizione ecologica del Paese! Una struttura in grado di orientare tutti gli atti governativi in un’ottica ambientale.

Ma durante il colloquio con il presidente Draghi abbiamo raccolto anche altre importanti garanzie sul programma del prossimo governo. Ad esempio sulla volontà di partire da quanto fatto finora dal Governo Conte. A cominciare dal progetto di Recovery Plan già presentato, ma anche dal ruolo decisivo svolto dal MoVimento 5 Stelle nella politica italiana. In questi anni siamo stati in grado di garantire onestà e trasparenza nella gestione della cosa pubblica, nella lotta al malaffare e nel contrasto alle diseguaglianze. Proprio per questo abbiamo ribadito la nostra volontà di non indietreggiare su alcuni temi fondamentali come la prescrizione e il Reddito di Cittadinanza che va ulteriormente rafforzato, soprattutto sul fronte delle politiche attive del lavoro.

Siamo anche concordi nel ritenere che il MES non serve all’Italia. L’abbassamento dello spread delle ultime settimane ha comportato una maggiore convenienza a reperire le risorse direttamente dai mercati piuttosto che ricorrere ai tassi più alti previsti dal MES.

Davanti a questi presupposti abbiamo rimesso la decisione ai nostri iscritti sulla piattaforma Rousseau che si sono espressi con quasi il 60% dei voti in favore del sostegno da parte del MoVimento 5 Stelle al nuovo governo Draghi. Siamo ancora l’unica forza politica in grado di coinvolgere direttamente i propri iscritti, anche in un momento così importante e per decisioni così rilevanti.

Al voto sulla piattaforma hanno partecipato più di 75mila aventi diritto, con una media di oltre 9mila voti espressi ogni ora. La grande partecipazione rappresenta già di per sé una grande vittoria e costituisce un esempio di democrazia diretta che ci rende orgogliosi. L’intelligenza collettiva che prevale sulle scelte individuali o di pochi: è sempre stata la nostra essenza e la più grande forza del MoVimento 5 Stelle.

Adesso si apre una nuova fase, ma i nostri obiettivi all’interno delle istituzioni non cambiano. Dobbiamo continuare a lavorare, con determinazione ancora maggiore, nell’interesse del Paese e di tutti i cittadini.

Venerdì sera il Presidente Draghi ha sciolto la riserva, accettando l’incarico e comunicando la lista dei Ministri del nuovo Governo, che hanno giurato nella giornata di sabato. Luigi Di Maio e Federico D’Incà sono stati confermati rispettivamente come Ministro degli Esteri e Ministro per i rapporti con il Parlamento, Stefano Patuanelli sarà il nuovo Ministro dell’Agricoltura, Fabiana Dadone sarà la Ministra delle Politiche giovanili e Roberto Cingolani il nuovo “super ministro” all’Ambiente e alla transizione ecologica. Quest’ultimo un profilo e un risultato che abbiamo fortemente voluto. Sarà questo l’asse portante del nuovo governo, che punterà sull’ambiente e sulla transizione eco-sostenibile, utilizzando al meglio i quasi 70 miliardi destinati del Recovery Plan destinati a questo settore. A tutti i nostri nuovi ministri auguro buon lavoro!

Un immenso ringraziamento va ai Ministri uscenti del MoVimento 5 Stelle che in questa complessa esperienza di governo hanno lavorato con grande impegno e determinazione, dando il loro fondamentale contributo per portare avanti il nostro programma di governo.

Il giuramento del nuovo Governo coincide inevitabilmente con la fine ufficiale del mandato del Presidente Giuseppe Conte. Insieme a lui in questi anni siamo riusciti ad ottenere risultati storici, ritenuti impensabili fino a poco tempo fa. Tra i suoi più grandi meriti ci sarà sempre quello di aver guidato l’Italia con grande risolutezza, coraggio e competenza, in uno dei momenti più difficili della sua storia. Per noi è stato un onore sostenerlo ed è motivo di grande orgoglio poterlo avere oggi al nostro fianco!

Nel corso della settimana è arrivata anche la buona notizia che riguarda l’attivazione di un nuovo programma di interventi del Ministero dell’Ambiente che destina 75 milioni di euro nel triennio 2021-2023 per il contrasto dei cambiamenti climatici delle aree protette dei nostri territori.

Risorse che saranno a disposizione di tutti i comuni presenti nei Parchi Nazionali e nelle riserve naturalistiche UNESCO e potranno finanziare progetti di riforestazione o per la realizzazione di piccoli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Il migliore investimento possibile per il futuro del nostro Paese!

Back to top