Senza categoria

Aree portuali: in arrivo 250 milioni per il Sud. 14,7 milioni alla Sicilia

Aree portuali: in arrivo 250 milioni per il Sud. 14,7 milioni alla Sicilia 1920 1080 Vincenzo Maurizio Santangelo

La pubblicazione delle graduatorie definitive del Programma di Azione e Coesione PAC 14/20 dei primi due Assi (A e D) rappresenta un’ottima notizia per il Sud e per la Sicilia.

Le graduatorie pubblicate sono riferite ai primi due assi del programma: l’Asse A – “Digitalizzazione della logistica” (80 milioni) e l’Asse D – “Green Ports” (170 milioni).

Alla Sicilia andranno oltre di 14,7 milioni di euro che saranno destinati a finanziare interventi di efficientamento energetico e mobilità sostenibile nelle aree portuali.

Nell’ambito dei progetti finanziati, c’è anche quello del Comune di Trapani, che otterrà i 2,6 milioni per la fornitura di bus a bassa emissione per il collegamento tra il porto e il parcheggio Egadi.

Gli altri progetti siciliani finanziati sono stati presentati dalle Autorità di Sistema Portuale Mare Sicilia Occidentale e orientale e riguardano la realizzazione di impianti fotovoltaici e interventi di monitoraggio degli accessi alle aree portuali tramite varchi integrati.

Il rilancio del Mezzogiorno passa anche attraverso il riammodernamento delle aree portuali, che rivestono importanza strategica fondamentale per i nostri territori. Adesso toccherà alle amministrazioni interessate completare in tempi rapidi ogni iter autorizzativo per mettere a disposizione della collettività queste importanti opere.

Sia garantita l’assistenza igienico-personale agli alunni disabili siciliani

Sia garantita l’assistenza igienico-personale agli alunni disabili siciliani 1920 1080 Vincenzo Maurizio Santangelo

“Il servizio di assistenza igienico-personale rappresenta un diritto fondamentale e irrinunciabile per tutti gli alunni delle Scuole di ogni ordine e grado non autosufficienti sul piano motorio o mentale”. Ad affermarlo e a prendere posizione su questa delicata vicenda sono le Portavoce al Comune di Trapani del MoVimento 5 Stelle Francesca Trapani e Chiara Cavallino e il senatore Vincenzo Maurizio Santangelo.

“Purtroppo – proseguono i Portavoce – le risorse stanziate dall’Amministrazione Comunale di Trapani erano sufficienti a coprire l’erogazione dei servizi di assistenza igienico personale fino al mese di febbraio, causando la brusca interruzione del servizio negli istituti scolastici comunali. Sabato mattina, abbiamo incontrato diversi genitori di alunni con disabilità, apprendendo la loro forte preoccupazione, legata al fatto che le delicatissime funzioni di assistenza finora espletate dal personale OSA e OSS, dovrebbero ora essere assunte dagli operatori scolastici (ATA) che non sempre si trovano in possesso di un’idonea e adeguata formazione necessarie per garantire una corretta assistenza agli alunni, soprattutto in presenza di patologie complesse e molto differenti tra loro”.

“Per far luce su questa vicenda – afferma la Portavoce Francesca Trapani – abbiamo deciso di presentare un’interrogazione per chiedere al Sindaco Tranchida il motivo per cui le risorse stanziate dall’amministrazione Comunale siano state previste in misura sufficiente solo a coprire l’erogazione dei servizi di assistenza fino all’inizio di marzo, determinando un’interruzione del servizio ad anno scolastico in corso. Vogliamo sapere se la volontà è quella di garantire il servizio di assistenza agli alunni disabili al fine di assicurare agli stessi il pieno godimento del diritto all’istruzione presso gli istituti comunali e quali iniziative intenda adottare l’amministrazione per ripristinare il sostegno qualificato da parte di OSA e OSS in possesso di specifico attestato professionale”.

Altrettanto preoccupata anche la Portavoce Chiara Cavallino: “Il servizio di assistenza igienico-personale costituisce un diritto fondamentale degli alunni disabili, i quali, a seconda del tipo di disabilità e delle condizioni familiari, necessitano di un insegnante di sostegno, dell’assistente all’autonomia e alla comunicazione, dell’assistente igienico-personale dedicato che, oltre alla cura dell’igiene che assista appunto lo studente durante la ricreazione, nelle attività di laboratorio, all’ingresso e all’uscita da scuola, durante le gite scolastiche, nonché di servizi di trasporto o altri servizi aggiuntivi. La mancata e incerta erogazione del servizio comporta un grave pregiudizio a danno dei soggetti più fragili della nostra comunità cittadina, e un ingiusto aggravio anche sulle rispettive famiglie”.

Condivide l’iniziativa delle Portavoce il senatore Vincenzo Santangelo: “Alla Giunta Tranchida chiediamo chiarezza. La tutela degli ultimi e dei più deboli è una battaglia che non ha colori politici e deve rappresentare un’assoluta priorità a qualsiasi livello di amministrazione. Non possiamo accettare nessuno scarica barile, occorre ripristinare il servizio in tempi rapidi e garantire elevati livelli qualitativi di assistenza igienico-personale a tutti gli alunni con disabilità, per non creare ancora una volta discriminazioni tra alunni di serie A e di serie B anche all’interno dello stesso territorio”.

Sospesi termini fiscali e previdenziali per i pescherecci sequestrati dalle autorità libiche

Sospesi termini fiscali e previdenziali per i pescherecci sequestrati dalle autorità libiche 1920 1080 Vincenzo Maurizio Santangelo

Grazie all’approvazione in Commissione di un emendamento a mia prima firma al decreto legge sulla proroga dello stato di emergenza Covid-19, saranno sospesi fino al 31 dicembre 2020 tutti i tributi e i contributi previdenziali e assistenziali a carico degli armatori delle imbarcazioni mazaresi sequestrate a 38 miglia dalle coste libiche dalle autorità militari del generale Haftar la sera del 1° settembre scorso.

Contestualmente è stato approvato un ordine del giorno vincolante che impegna il Governo a trovare le risorse già con il prossimo provvedimento utile per estendere queste misure all’intero 2021.

I versamenti sospesi potranno essere eseguiti a partire dal gennaio 2022 nella misura massima del 70% di quanto dovuto, con possibilità di rateizzazione senza interessi o sanzioni.

Siamo ancora in attesa di ricevere notizie positive sulla liberazione dei nostri pescatori sequestrati dalle autorità libiche. Nel frattempo però il Parlamento fa la sua parte approvando una misura doverosa che sospende i termini e i versamenti fiscali a carico degli armatori di queste imbarcazioni.

È chiaro che gli sforzi diplomatici di queste settimane dovranno proseguire e l’attività di intelligence e Farnesina essere ancora più intensa.

Quel che è certo è che non tolleriamo e non potremo mai tollerare nessun ricatto sulla pelle dei nostri connazionali.

SUPERBONUS 110% LE LINEE GUIDA

SUPERBONUS 110% LE LINEE GUIDA 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono state pubblicate le linee guida sul Superbonus al 110% che contengono tutti i dettagli sulla norma. Dalla tipologia di interventi agevolabili, ai requisiti e agli adempimenti.
Abbiamo previsto anche delle Faq informative per illustrare meglio i contenuti di questo provvedimento fondamentale per la crescita e la sostenibilità.
Intanto anche il Monte dei Paschi di Siena si aggiunge agli istituti di credito che acquisteranno il credito di imposta previsto dal Superbonus, aumentando così la rete bancaria a cui rivolgersi.cco Nel link trovate il documento! https://bit.ly/2CJJul9

Vitalizi, l’ennesimo schiaffo ai cittadini

Vitalizi, l’ennesimo schiaffo ai cittadini 1920 1080 Vincenzo Maurizio Santangelo

Ieri sera la Commissione Contenziosa del Senato ha fatto resuscitare i vitalizi. Per trasparenza dei tanti cittadini che non si aspettavano questa notizia, è giusto che si sappia che la decisione è stata presa da un esponente di Forza Italia, due tecnici nominati dalla presidenza del Senato e due esponenti della Lega.

Il M5S non ha rappresentati in quell’organo. Falsamente i leghisti dicono di essersi espressi contro la decisione, ma non ci risulta che Salvini abbia fatto nulla, prima della camera di consiglio, per convincere il Presidente Caliendo di Forza Italia delle sue ragioni giuridiche a favore dei tagli e quindi per non far passare questo ennesimo schiaffo verso i contribuenti italiani.

È stato un 3 a 2, a causa del centrodestra!

Adesso che diranno, dopo avere di fatto appoggiato tale decisione? Per noi del M5S i vitalizi sono stati da sempre un privilegio della vecchia politica, che con versamenti irrisori di contributi, nel tempo, si sono assicurati lauti assegni a vita, a differenza di tanti cittadini che dopo oltre quarant’anni di duro lavoro, ancora oggi fanno tanti sacrifici e prendono pensioni modeste.

Sappiano che noi non ci arrenderemo e continueremo la nostra battaglia contro questi ingiustificati privilegi!

Gli ultimi aggiornamenti sulle misure a sostegno dei lavoratori

Gli ultimi aggiornamenti sulle misure a sostegno dei lavoratori 1920 1080 Vincenzo Maurizio Santangelo

Nelle scorse settimane, con Decreto firmato dal Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, sono stati destinati 220 milioni di euro ai:
▪ lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
▪ lavoratori intermittenti;
▪ lavoratori con contratto di lavoro autonomo o occasionale;
▪ lavoratori incaricati alle vendite a domicilio.

Categorie che, in conseguenza dell’emergenza Coronavirus, hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro.

Collegandosi al sito dell’INPS ed entrando nel servizio “Indennità 600 euro”, tutti questi lavoratori possono ora richiedere il bonus per i mesi di marzo, aprile e maggio, introdotto dal decreto Cura Italia e prorogato con il Decreto Rilancio. Fatta la domanda, i tre mesi verranno erogati loro in un’unica soluzione.

L’impegno del Governo per aiutare chi ha più risentito delle difficoltà economiche causate dal Covid-19 resta costante.

Ecco invece gli ultimi aggiornamenti sulla Cassa integrazione.

I beneficiari potenziali complessivi di Cassa integrazione nelle diverse tipologie sono, al 25 maggio 2020, 8.177.614, per circa 1.137.444 domande di aziende. Queste domande sono prenotazioni di risorse, e non effettive domande di fruizione di cassa integrazione. Si tradurranno in effettive domande solo con invio del modello sr41 (se a pagamento diretto) o con denuncia in Uniemens (se a conguaglio) nel mese successivo a quello di sospensione, con il quale le aziende comunicano le effettive sospensione e iban dei lavoratori (in caso di pagamento diretto). Ad oggi l’Inps ha ricevuto 1.176.614 sr41, e 923.026 sono stati già pagati per 2.583.671 lavoratori. Dei relativi beneficiari potenziali, 4.241.954 sono già stati anticipati dalle aziende con conguaglio INPS.

Scendendo nel dettaglio, le domande di Cassa integrazione ordinaria pervenute dalle aziende, sono 415.507. A oggi ne sono state autorizzate 395.359. Le domande di Cassa integrazione in deroga, determinate dalle singole regioni e inviate all’INPS per autorizzazione al pagamento, sono 546.101 per 1.434.033 lavoratori. Come da tabella 3, di queste 546.101,490.404 sono state autorizzate da INPS. In media sono state autorizzate il 90% delle domande.

Cassa integrazione in deroga, 28 maggio

Tutte le misure del Decreto #CuraItalia

Tutte le misure del Decreto #CuraItalia 150 150 Vincenzo Maurizio Santangelo

Nella notte di martedì 17 marzo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto #CuraItalia. Un provvedimento con il quale sono stati previsti i primi interventi urgenti in favore di imprese, famiglie e lavoratori colpiti dalla crisi generata dall’emergenza Covid-19.

Come annunciato dal Presidente Conte, si tratta solo di un punto di partenza. Con questo decreto vengono stanziati i primi 25 miliardi reali, che riusciranno a generare flussi per circa 350 miliardi per la nostra economia. Nelle prossime settimane saranno adottate tante altre misure, destinate a ristorare tutte le perdite subite da imprese e lavoratori a causa della crisi, ma anche per dare nuovo impulso alla crescita economica di tutto il Paese, approfittando della sospensione del Patto di stabilità europeo.
Alcune doverose precisazioni:

01.Le risorse stanziate per i lavoratori autonomi e professionisti riguardano il solo mese di marzo e la cassa integrazione, al momento, copre un periodo massimo di 9 settimane. Per i prossimi mesi saranno stanziate ulteriori risorse. In questo modo sarà possibile misurare gli interventi in base all’andamento dell’emergenza epidemiologica, che ci auguriamo di superare il prima possibile. Una cosa è certa: saranno adottate tutte le misure necessarie per ristorare le perdite subite da famiglie, imprese e lavoratori.


02.Il testo iniziale del provvedimento contiene già tante importantissime misure (che vedremo nel dettaglio) ma nel corso dell’intero iter di conversione in parlamento faremo di tutto per migliorarlo ulteriormente.


03.Le modalità di erogazione dell’indennità per i professionisti e lavoratori autonomi iscritti ad ordini e casse speciali verranno stabilite di comune accordo con i rispettivi ordini o casse professionali.


04.L’INPS ha chiarito che per accedere all’indennità di 600 euro, non vi sarà nessun “click day” per partite IVA e professionisti, ma chi ne ha diritto avrà tutto il tempo necessario per accedere al beneficio. Le risorse sono state calcolate per tutti e qualora non dovessero bastare saranno reintegrate.

MISURE DI SOSTEGNO PER LE IMPRESE

La mia settimana #90

La mia settimana #90 Vincenzo Maurizio Santangelo

Da dieci giorni ormai ognuno di noi è stato chiamato a dare il proprio piccolo grande contributo. Tutti abbiamo dovuto rinunciare a parte della nostra libertà, ad abbracciare i nostri cari o anche semplicemente a uscire da casa per fare una passeggiata.

È questa l’unica strada possibile per uscire al più presto da questo periodo buio: restare a casa e limitare le proprie uscite ai soli casi di assoluta e indifferibile necessità.

Lo dobbiamo a noi stessi e ai nostri cari. Per evitare di rivedere ancora immagini strazianti come quelle di Bergamo, dove questa settimana una colonna di mezzi militari ha attraversato la città trasportando i feretri che il cimitero non riesce più a gestire per l’elevato numero di decessi.

Desidero rinnovare la mia vicinanza e il mio sentito cordoglio alle famiglie delle vittime. Il mio costante pensiero non può che andare anche ai medici, agli operatori, al personale delle forze dell’ordine e, in generale, a tutti coloro che sono impegnati a combattere strenuamente in prima linea questa emergenza sanitaria.

I dati sull’andamento dell’epidemia purtroppo non sono ancora confortanti. Il Presidente Conte era stato molto chiaro, nessuno doveva aspettarsi che le misure restrittive potessero sconfiggere il virus da un giorno all’altro, ma che sarebbe stato necessario qualche giorno per vedere i primi effetti positivi, al fine di interrompere la catena di contagi.

Nonostante gli appelli a restare a casa, però, negli ultimi giorni c’era ancora troppa gente per le strade. Questo ha costretto il Governo ad adottare ulteriori restrizioni necessarie per limitare il più possibile il contagio da COVID-19. Ieri sera il Presidente Conte ha quindi annunciato la chiusura di tutte le fabbriche e le attività non assolutamente essenziali. Continueranno invece a restare aperte farmacie, supermercati, negozi alimentari e verranno assicurati i servizi postali e bancari.

Lo Stato continua a dimostrare di essere essere al fianco di TUTTI i cittadini nell’affrontare questa emergenza che non ha precedenti nella nostra storia recente. Lo ha fatto ancora una volta questa settimana prevedendo ulteriori restrizioni e adottando il decreto #CuraItalia, volto a fronteggiare gli effetti negativi della crisi economica scatenata dalla chiusura delle attività. Un provvedimento da 25 miliardi di euro destinati a produrre nella nostra economia un piano complessivo di finanziamenti fino a 350 miliardi di euro.

All’interno di questo decreto sono state inserite tantissime misure. È stato previsto uno stanziamento di 3,2 miliardi di euro per il potenziamento del Sistema sanitario nazionale con un piano straordinario di assunzioni che partiranno immediatamente, il pagamento degli straordinari, gli incentivi per la produzione di materiale medico e la possibilità di utilizzare strutture sanitarie private per creare nuovi posti letto.
Vengono previsti anche i primi fondamentali sostegni destinati a famiglie, imprese e lavoratori:

  • aumento dei giorni fruibili per congedo parentale e introduzione del “bonus baby sitter”;
  • indennità mensile per tutti i lavoratori autonomi;
  • bonus in busta paga per i lavoratori dipendenti in base alle giornate effettive lavorate nel mese di marzo;
  • equiparazione del periodo trascorso in quarantena o in isolamento ai periodi di malattia;
  • estesa anche a imprenditori e lavoratori autonomi la sospensione dei mutui per la prima casa;
  • incentivi alle scuole per dotarsi di strumenti didattici a distanza accessibili anche per i meno abbienti;
  • estesa anche a imprenditori e lavoratori autonomi la sospensione dei mutui per la prima casa;
  • cassa integrazione per i lavoratori di tutte le imprese costrette a sospendere o a ridurre la propria attività;
  • sospensione del pagamento di contributi, versamenti e premi assicurativi;
  • potenziamento del Fondo di garanzia per le PMI (piccole e medie imprese);
  • incentivi alle scuole per dotarsi di strumenti didattici a distanza accessibili anche per i meno abbienti;
  • sospensione dei licenziamenti per giustificato motivo oggettivo;
  • rinvio delle udienze e sospensione dei termini processuali;
  • istituzione di un fondo al trasporto aereo per far fronte alle perdite subite dai vettori;

L’esame di questo decreto è stato già stato avviato in Senato, e proseguirà la prossima settimana con i pareri di tutte le Commissioni permanenti riunite in sede consultiva.

Il decreto #CuraItalia è solo il punto di partenza. Presto saranno emanati altri provvedimenti che non si limiteranno soltanto a rimborsare tutte le perdite subite da imprese, famiglie e lavoratori, ma serviranno anche a porre le basi per una nuova rinascita economica del nostro Paese. In questo percorso ci avvarremo di tutto il margine che è stato concesso con lo storico annuncio della sospensione del Patto di stabilità: vuol dire che i governi di tutti gli Stati europei saranno autorizzati a spendere quanto necessario per salvare la propria economia.

In queste settimane molto difficili stiamo lottando insieme dai nostri balconi contro questo nemico invisibile. Siamo tutti distanti, ma sempre più uniti. Mai come ora dobbiamo stringerci come una catena a protezione del bene più importante: la vita.

Franceschini intervenga a “tutela” delle opere del Consagra

Franceschini intervenga a “tutela” delle opere del Consagra Vincenzo Maurizio Santangelo

Oggi ho depositato una interrogazione al Ministro Franceschini del MIBACT, al fine di sensibilizzare un intervento sulle opere realizzate dallo scultore Pietro Consagra nella Nuova Gibellina.


Come già segnalato dall’amministrazione comunale di Gibellina, alcuni manufatti versano in uno stato avanzato di degrado strutturale, mentre altri vedasi il “Teatro” progettato nel 1972, risulta iniziato ma mai portato a termine.


Pertanto visto anche l’importante appello rivolto dal Sindaco e dell’Assessore alla cultura, al Ministro Franceschini volto a sensibilizzare il Governo centrale per l’ottenimento di fondi, vista anche l’importante ricorrenza del centenario della nascita del Consagra, e vista l’importanza che rivestono le opere realizzate dall’artista ho chiesto allo stesso Ministro se intenda intervenire, nei limiti delle proprie attribuzioni e competenze, affinchè si possa intraprendere una programmazione di lavori per la valorizzazione e tutela del patrimonio artistico ed architettonico del Consagra, nel rispetto dell’art. 1 comma 2 del Dlgs. n. 42/2004.

Ribadisco che bisogna intervenire presto a tutela delle opere, in quanto esse rappresentano oggi un importante “patrimonio culturale” e soprattutto, concorrono a preservare la memoria della comunità e del territorio della Valle del Belice, e non ultimo a promuovere lo sviluppo della cultura.

La mia settimana #78

La mia settimana #78 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si conclude una settimana importantissima, piena di lavoro e di tanti provvedimenti approvati.

Nella giornata di lunedì abbiamo votato in prima lettura in Senato la Manovra di Bilancio! Un provvedimento importantissimo che ci permetterà di continuare a dare concreta attuazione al nostro programma di Governo. Pensate che lo scorso anno, con la legge di bilancio per il 2019, siamo riusciti a finanziare per la prima volta alcune misure straordinarie come Quota 100 e Reddito di Cittadinanza. Con la Manovra di quest’anno abbiamo posto un ulteriore tassello per gli investimenti nelle nostre infrastrutture e nell’economia sostenibile, e per la tutela delle famiglie, dei lavoratori e delle imprese.

Già nel testo originario erano state previste misure importantissime, tra tutte il blocco dell’aumento IVA, la riduzione del cuneo fiscale, gli incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato, il bonus per i pagamenti elettronici, lo stop al “superticket” sanitario, un piano straordinario di welfare per le famiglie, il Fondo per gli investimenti di tutti i comuni d’Italia e il Fondo per il Green new deal, destinato a sostenere progetti di decarbonizzazione, rigenerazione urbana e in generale tutti i programmi di investimento e i progetti innovativi ad elevata sostenibilità ambientale.

Nel corso di un lungo e approfondito esame in Commissione svolto nelle ultime settimane, sono stati approvati diversi emendamenti che hanno migliorato ulteriormente il testo originario. In particolare, sono state introdotte: le tariffe sociali da e per gli aeroporti di Palermo e Catania; il bonus latte artificiale per le mamme che non possono allattare; l’aumento al 40% della “quota rosa” nei consigli di amministrazione delle società quotate; una maggiore tutela dei consumatori nei confronti delle “bollette pazze” ingiustificate provenienti dai fornitori di energia, internet e tv; la sospensione (e non più la decadenza) dell’assegno di Reddito di cittadinanza per la durata di contratti brevi; sgravi contributivi per gli apprendisti delle piccole imprese; il riconoscimento delle atlete donne come professioniste, con estensione di tutte le tutele previste dalla legge sulle prestazioni di lavoro sportivo; numerosi incentivi alla mobilità sostenibile e condivisa; la sperimentazione del voto elettronico per gli studenti e i lavoratori fuori sede e per gli italiani all’estero e tanto altro.

Successivamente all’approvazione in Senato, la Manovra si trova in questi giorni all’esame della Camera dei Deputati per la definitiva approvazione!

Per l’intera giornata di martedì abbiamo esaminato in Aula il decreto Fiscale. Si tratta, anche in questo caso di un provvedimento molto importante, che contiene tantissime novità normative. Tra tutte, il potenziamento della lotta all’evasione fiscale per mezzo delle semplificazioni per i contribuenti, l’estensione del ravvedimento operoso a tutti i tributi e nuove assunzioni nell’Amministrazione finanziaria; lo stanziamento di nuovi fondi per la digitalizzazione della logistica del Paese e di numerosi incentivi per gli investimenti su piani di risparmio a lungo termine; il differimento al 30 settembre del termine per la presentazione del Modello 730; l’aumento del prelievo fiscale sul gioco d’azzardo; la riduzione al 5% dell’IVA sui prodotti di igiene femminile compostabili o lavabili; il rifinanziamento del Fondo per le vittime dell’amianto e del Fondo di garanzia per le PMI; ulteriori sgravi per gli investimenti ambientali e i progetti infrastrutturali pubblici a lungo termine; l’inasprimento delle pene per i reati tributari e l’abbassamento di alcune soglie di punibilità; la possibilità di vincolare parte dell’otto per mille destinato allo Stato alla realizzazione di interventi di ristrutturazione, messa in sicurezza e adeguamento antisismico ed energetico delle scuole e la possibilità di ottenere la classe assicurativa più bassa tra i veicoli già assicurati dal nucleo familiare.

Il voto finale della definitiva conversione in Legge è arrivato nel pomeriggio di martedì.

Nella giornata di mercoledì si è svolta in Aula la discussione generale del decreto Scuola. Un provvedimento, adottato in via d’urgenza che contiene tante misure importanti per il nostro sistema educativo. Dal contrasto al precariato scolastico tramite un concorso che darà finalmente stabilità a 24mila docenti precari e tramite un concorso straordinario per il reclutamento di docenti di religione, al miglioramento della formazione del personale docente, anche in ambito digitale. Viene inoltre migliorata la procedura per il reclutamento dei dirigenti scolastici, ancora più selettiva e basata sul merito. Sono state anche introdotte diverse norme per la semplificazione delle procedure di alcuni acquisti da parte delle università, delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica e degli enti pubblici di ricerca; disciplinata l’entrata a regime dal 1° settembre 2020 dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica e dell’educazione ambientale e stanziate ulteriori risorse per il Fondo per il funzionamento della scuola.

Con il voto finale arrivato in Aula giovedì mattina, anche questo decreto è stato definitivamente approvato e convertito in legge dello Stato!

  • 1
  • 2
Back to top