La mia settimana #113

La mia settimana #113

La mia settimana #113 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’altra settimana parlamentare piena di impegni e attività!

Lunedì sono stato a Marsala per la presentazione della lista del MoVimento 5 Stelle per le prossime elezioni amministrative. Il fatto di essere stati i primi ad avere presentato la propria lista e quindi la propria offerta alla cittadinanza rappresenta per me grande motivo di orgoglio perché è la prova che MoVimento ha le idee chiare sul progetto per Marsala e per tutti i cittadini marsalesi.

Nel corso della settimana diversi sono stati provvedimenti di cui ci siamo occupati in Parlamento. Martedì in Aula abbiamo trattato il tema della governance dei servizi antiviolenza e del finanziamento dei centri antiviolenza e delle case di rifugio nell’ambito della relazione della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio. Al termine della discussione abbiamo approvato una risoluzione che impegna il Governo ad intraprendere ogni iniziativa utile per dare piena attuazione alla Convenzione di Istanbul che segni una svolta contro la discriminazione delle donne e la grave violazione dei diritti umani determinata da tutte le forme di violenza di genere.

Intensa è stata anche l’attività in Commissione Affari costituzionali a partire dalla seduta di martedì dove è stato avviato l’esame del decreto legge adottato al fine di garantire lo svolgimento in sicurezza delle prossime consultazioni elettorali e per consentire l’esercizio del voto anche a coloro che si trovano ricoverati presso strutture sanitarie che ospitano reparti Covid o in isolamento domiciliare.

Sempre in Commissione, nel corso della settimana abbiamo dato parere favorevole sul decreto per il sostegno e rilancio dell’economia (il cosiddetto “decreto agosto“) all’esame della Commissione Bilancio e concluso l’esame del decreto legge, già approvato dalla Camera dei Deputati, necessario per la proroga dello stato di emergenza Covid e per il coordinamento delle misure già adottate di contrasto e contenimento dell’epidemia.

Nella giornata di mercoledì ho ricevuto la risposta del Ministro della Difesa all’interrogazione a mia prima firma presentata per far luce sul naufragio del motopesca Nuova Iside, le cui tracce sono state perse nella notte tra il 12 e 13 maggio scorso.

Mercoledì i lavori in d’Aula sono stati dedicati all’esame dei disegni di legge di ratifica di trattati internazionali deliberati dalla Commissione Affari esteri, molti dei quali riguardanti accordi internazionali in materia di sicurezza e cooperazione culturale e scientifica e all’approvazione del disegno di legge costituzionale per estendere anche ai diciottenni il diritto di elettorato attivo per l’elezione dei futuri senatori!

Il requisito minimo di 25 anni di età per eleggere i membri del Senato, attualmente previsto dall’articolo 58 della nostra Costituzione, rappresenta il più alto limite anagrafico al diritto di elettorato attivo in Europa.

Con il voto di mercoledì si è conclusa la prima deliberazione prevista dall’articolo 138 della Costituzione. Manca quindi sempre meno alla definitiva approvazione di questa riforma che ci permetterà di porre fine alle distinzioni anagrafiche sul diritto di elettorato attivo, uniformando le platee elettorali di entrambe le Camere!

Si tratta di un altro tassello nel percorso complessivo di riforma costituzionale avviato sin dal primo giorno del nostro approdo al Governo del Paese. Al centro, come sapete, c’è il taglio dei privilegi della casta: dei privilegi anacronistici e per anni intoccabili. Tutti ci hanno tentato, ma nessuno ha mai avuto il coraggio di farlo davvero.

Oggi ci troviamo a un passo dall’approvazione della storica riforma sul taglio del numero dei parlamentari. Sabato anche a Trapani, come in tutte le piazze d’Italia abbiamo allestito il nostro banchetto informativo in favore del Sì!

Mancano ancora pochi giorni e tutti gli italiani potranno finalmente votare per tagliare 345 poltrone, creare un Parlamento più snello ed efficiente, migliorare la competizione elettorale e quindi la qualità dei propri rappresentanti e risparmiare fino a 500 milioni di euro a legislatura!

Share
Back to top