La mia settimana #131

La mia settimana #131

La mia settimana #131 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

L’Italia sta attraversando un momento molto complicato. Milioni di cittadini in difficoltà a causa della crisi aspettano risposte dalla politica. In queste settimane avremmo voluto occuparci dei problemi reali del Paese, invece di un’assurda crisi politica senza senso!

Le consultazioni svolte dal Presidente Roberto Fico per trovare dei punti di raccordo tra i partiti della precedente maggioranza non hanno avuto l’esito sperato. Se da un lato c’era il MoVimento 5 Stelle che ha sempre messo avanti i temi e dato la piena disponibilità alla formazione di un nuovo esecutivo guidato da Giuseppe Conte, dall’altra parte, invece, si cercava ogni pretesto per far saltare il tavolo.

Preso atto di questa situazione, nella serata di martedì, il Presidente Mattarella, ha deciso di percorrere una strada alternativa alle immediate elezioni, conferendo a Mario Draghi l’incarico di formare un nuovo Governo.

La strada di un governo composto da soli tecnici è stata già percorsa in passato con conseguenze negative per i cittadini e per il Paese. E infatti, come MoVimento 5 Stelle, abbiamo subito escluso il nostro sostegno a questa possibilità.

Siamo convinti che lo straordinario momento richieda scelte importanti che possono essere fatte da un governo politico e non da una squadra di tecnici. Su questo abbiamo sposato in pieno le parole di Giuseppe Conte.

Con queste premesse abbiamo deciso di non sottrarci alle nostre responsabilità e di partecipare sabato alle consultazioni con il presidente incaricato Mario Draghi portando avanti la nostra storia, le nostre idee e i nostri principi ai quali non siamo disposti a rinunciare.

E’ stato un confronto molto franco durante il quale abbiamo dato la nostra disponibilità a discutere sui temi partendo dalla base del grande lavoro fin qui fatto.

Purtroppo la crisi politica ha avuto come conseguenza anche un rallentamento dei lavori parlamentari, limitati allo svolgimento di atti urgenti, come l’esame dei disegni di legge di conversione dei decreti-legge. Le Commissioni, invece, hanno la possibilità di convocarsi per esprimere il proprio parere su atti del Governo in scadenza, per proseguire i cicli di audizioni già avviati, tra i quali le audizioni delle commissioni bilancio e affari europei sul Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Martedì in Aula è stato annunciato l’avvio del dibattito parlamentare sul decreto CONI adottato dal Governo Conte. Grazie a questo intervento urgente, l’Italia potrà partecipare alle Olimpiadi e viene anche scongiurato il rischio di sanzioni da parte del CIO. Il provvedimento conserva l’integrità del CONI e lo conferma un asset strategico per lo Stato in materia di politiche sportive.

Nel corso della settimana in Commissione Affari costituzionali abbiamo proseguito l’esame del decreto legge riguardante la proroga dello stato di emergenza e le ulteriori misure per il contenimento dell’epidemia.

La prossima sarà una settimana decisiva, che vedrà già a partire da domani un nuovo giro di consultazioni tra tutti i partiti e il presidente incaricato. Nel prossimo incontro porremo nuovamente al centro i nostri temi e la nostra idea di futuro e valuteremo se ci saranno le condizioni per partire con questa nuova sfida.

Il MoVimento 5 Stelle non ha mai guardato al consenso elettorale, ma solo all’interesse del Paese e di tutti i cittadini, e questo è ciò che continueremo a fare!

Seguitemi, vi terrò aggiornati!

Share
Back to top