La mia settimana #138

La mia settimana #138

La mia settimana #138 960 540 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’altra settimana parlamentare, dedicata prevalentemente ai lavori delle Commissioni.

Mercoledì in Aula abbiamo seguito le Comunicazioni del Presidente del Consiglio in vista del Consiglio europeo di giovedì e venerdì. Si tratta di un impegno molto importante in cui si è discusso di temi molto importanti, primo tra tutti la risposta alla pandemia di Covid-19, ma anche la politica industriale, la trasformazione digitale, le relazioni con la Russia e la situazione nel Mediterraneo orientale.

Dobbiamo esigere il rispetto degli impegni assunti dalle case farmaceutiche con la consapevolezza che dalla buona e rapida riuscita del piano vaccini passa la ripartenza del nostro Paese!

Nella giornata di mercoledì ho depositato due interrogazioni parlamentari, riguardanti due temi molto importanti. La prima per chiedere al Ministro della Salute di dare priorità nella vaccinazione anche a quelle coppie in attesa di partire per conoscere i loro bambini adottivi. Bastano poche decine di dosi per sottrarre tanti bambini ad altri lunghi giorni di attesa delle loro nuove famiglie (  ).

L’altra interrogazione riguarda il tema del Superbonus. Da quasi 3 mesi il Ministero dello sviluppo economico non ha ancora adottato il decreto di riparto delle risorse stanziate con la Legge di bilancio per il 2021 al fine di favorire nuove assunzioni a termine nei Comuni per far fronte alle tante pratiche richiesta dalle istanze relative al Superbonus 110%. Con questa interrogazione ho chiesto al Ministro di fare presto ad adottare questo decreto fondamentale per le nostre amministrazioni.

In Commissione Affari costituzionali ci siamo occupati di diversi provvedimenti. Nella seduta di martedì abbiamo votato il testo base della riforma costituzionale per introdurre in Costituzione la tutela dell’ambiente e degli ecosistemi, nell’interesse delle future generazioni, nonché la protezione della biodiversità e degli animali. Sulla base di questo nuovo testo, adesso potrà essere avviato il dibattito su questa importante riforma, con l’obiettivo di approvarla il più presto possibile.

Tra gli altri provvedimenti trattati, abbiamo proseguito l’esame del decreto legge che ha disposto il rinvio delle consultazioni elettorali amministrative, reso necessario a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria, e del disegno di legge costituzionale che interviene sull’articolo 75 della Costituzione per introdurre il vincolo per il legislatore di rispettare la volontà popolare espressa con referendum abrogativo. È proseguito anche il ciclo di audizioni sul disegno di legge riguardante l’equilibrio di genere nelle cariche pubbliche.

Nel corso della settimana, il Commissione Affari costituzionali abbiamo anche fornito parere favorevole al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per le parti di competenza della nostra Commissione. Tra le osservazioni presentate chiediamo al Governo una semplificazione degli adempimenti burocratici per gli enti locali, il recupero e la ristrutturazione degli edifici delle forze dell’ordine, una maggiore coesione territoriale per ridurre il divario digitale e contrastare il fenomeno dello spopolamento di alcune aree del nostro Paese, la promozione della parità di genere, che sia garantita la banda larga e l’accesso ad Internet in tutto il territorio nazionale, la creazione di una piattaforma digitale pubblica centralizzata per controllare lo stato di applicazione, il taglio della burocrazia, l’istituzione di conferenze decisorie per superare i dissensi delle amministrazione e garantire la pronta conclusione dei procedimenti amministrativi.

La prossima settimana voteremo in Aula il disegno di legge delega per il riordino, la semplificazione e il riordino delle misure a sostegno dei figli a carico attraverso l’assegno unico e universale e dall’esame del decreto Sostegni. Un provvedimento molto importante che oltre ad aver previsto ristori a fondo perduto per imprese e professionisti, alle misure di sostegno all’occupazione e alla povertà e alle ingenti risorse stanziate per accelerare il piano vaccini, ha previsto ingenti risorse destinate alle Regioni e a tutti gli altri Enti territoriali.

Share
Back to top