La mia settimana #152

La mia settimana #152

La mia settimana #152 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi una settimana molto complessa. Come sapete, il MoVimento 5 Stelle sta attraversando un momento di difficoltà.

In questi anni abbiamo sempre lottato senza mai risparmiarci per il MoVimento e per cambiare l’Italia. L’esperienza di Governo, però, ci ha fatto riflettere sulla nostra organizzazione interna, che palesava diversi limiti. Da qui l’esigenza di compiere un radicale rinnovamento che potesse trasformare il Movimento 5 Stelle in una forza politica moderna, efficiente e in grado di recepire al meglio le istanze dei territori.

Abbiamo chiesto che il progetto di statuto elaborato da Giuseppe Conte venisse reso pubblico affinchè noi portavoce e tutti gli attivisti potessero esprimersi a riguardo. Ma soprattutto abbiamo chiesto una mediazione sulle divergenze emerse, perché il Paese ha bisogno di un MoVimento 5 Stelle unito.

Accogliendo queste richieste, è stato individuato un comitato di sette persone (Vito Crimi, Davide Crippa, Ettore Licheri, Tiziana Beghin, Stefano Patuanelli, Roberto Fico, Luigi Di Maio) che dovrà occuparsi delle modifiche più opportune da apportare alle nostre norme interne che siano in linea con i principi e i valori della nostra comunità.

Deve essere chiaro che da parte nostra nulla è cambiato: i nostri propositi restano gli stessi che da sempre ci hanno animato. Uniti abbiamo raggiunto incredibili risultati, ma l’Italia ha ancora bisogno della nostra capacità innovatrice. Non possiamo fermare questo processo, sarebbe un torto non a noi stessi, ma al Paese e a tutti i cittadini.

La settimana parlamentare è stata dedicata ai lavori delle Commissioni. In Commissione Affari costituzionali abbiamo proseguito l’esame del disegno di legge di conversione del decreto legge sul reclutamento nella pubblica amministrazione. Le risorse umane rappresentano le gambe sulle quali dovrà correre veloce l’attuazione del PNRR. A tal fine, questo decreto prevede un programma straordinario di assunzioni nella pubblica amministrazione che dovrà avvenire secondo procedure semplificate basate sul merito. Insieme ai colleghi della 1° e 2° commissione stiamo studiando il testo per cercare di apportare dei miglioramenti nel corso di questo primo passaggio parlamentare.

In commissione abbiamo anche fornito parere non ostativo sul disegno di legge contenente disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea (Legge europea 2019-2020) e votato il documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sul fenomeno della prostituzione che potrà costituire un ottimo elemento per favorire un’iniziativa legislativa condivisa che metta da parte le ideologie su un tema così delicato che riguarda diritti umani fondamentali.

La prossima sarà una settimana parlamentare molto importante perché in Aula voteremo il disegno di legge costituzionale per consentire il voto dei diciottenni anche in Senato. Finalmente elimineremo questa ingiustificata differenza nel diritto di elettorato attivo tra entrambe le Camere.

Voteremo anche il disegno di legge di conversione del decreto sull’assegno unico familiare, la misura che abbiamo fortemente voluto, ufficialmente partita da giovedì 1° luglio, che costituirà un importante sostegno per centinaia di migliaia di famiglie. Pensate che solo nel primo giorno sono state presentate oltre 30mila domande!

Share
Back to top