La mia settimana #173

La mia settimana #173

La mia settimana #173 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’altra intensa settimana, conclusa con l’approvazione in prima lettura del disegno di legge di bilancio in Senato.

Siamo riusciti a portare a casa tanti buoni risultati per i cittadini. Tra tutti, il miglioramento del Superbonus 110%. Grazie alla battaglia portata avanti in questi mesi, siamo riusciti ad ottenere una proroga generalizzata per tutti gli edifici, senza soglia ISEE, il riallineamento delle estensioni dei lavori trainati a quelli trainanti, quindi la proroga per gli impianti fotovoltaici e, infine, la non applicazione del decreto antifrodi agli interventi in edilizia libera inferiori ai 10mila euro.

Ma nella Manovra ci sono tante altre importantissime misure: dagli 8 miliardi per il taglio del cuneo fiscale, dell’Irpef e Irap alle risorse per limitare l’aumento dei costi dell’energia, fino al rifinanziamento del Reddito di cittadinanza, agli investimenti pubblici in infrastrutture, sanità, scuola, welfare.

Tra le misure introdotte nel corso di questo primo passaggio parlamentare in Senato c’è anche il pensionamento anticipato per gli operai edili e i ceramisti, l’ulteriore esenzione della tassa sui tavolini per i ristoranti, il raddoppio della soglia del bonus mobili (da 5.000 a 10.000 euro); l’adeguamento stipendiale e previdenziale dei vigili del fuoco, l’estensione dell’incentivo economico per il rientro dei cervelli e tanto altro!

Giovedì in aula abbiamo approvato in via definitiva il decreto legge contenente disposizioni urgenti per l’attuazione del PNRR e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose.

Si tratta di un provvedimento necessario per consentire la messa in campo dei fondi europei in arrivo. Tra le misure previste c’è il credito d’imposta o l’accesso a finanziamenti agevolati per le imprese turistiche, la semplificazione delle procedure per la realizzazione dei progetti più complessi e in particolare quelli delle opere infrastrutturali e ferroviarie, la proroga del regime di maggior tutela per le utenze domestiche e tanto altro.

Se oggi abbiamo la possibilità di spendere tutte queste risorse dobbiamo ringraziare Giuseppe Conte che si è battuto con grande abnegazione in Europa ed è riuscito a sovvertire le logiche dell’austerity.

Ma in questa settimana è stata cruciale nel percorso verso la riforma del regolamento interno del Senato, in vista del taglio del numero dei parlamentari che entrerà in vigore dalla prossima Legislatura. Sono onorato di essere il relatore di questa riforma e sono molto soddisfatto che molte nostre proposte siano entrate nel testo base adottato dal Comitato ristretto. Ci siamo concentrati su due obiettivi fondamentali: la riduzione del numero delle commissioni permanenti alla luce del ridotto numero di senatori, ma soprattutto sul contrasto al fenomeno del cambio di casacche. Si tratta di un tema sul quale il MoVimento 5 Stelle si è sempre battuto. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che il secondo Governo Conte è caduto proprio a causa di assurdi giochi di palazzo. Con delle modifiche puntuali, ma del tutto rivoluzionarie, cerchiamo di rendere meno conveniente il cambio di casacche e ottenendo ulteriori risparmi di soldi pubblici.

Continuiamo a lavorare su questo tema importantissimo che rivoluzionerebbe radicalmente il funzionamento delle nostre Istituzioni più importanti.

Non mi resta che augurare a tutti voi serene festività e felice anno nuovo!

Share
Back to top