La mia settimana #148

La mia settimana #148

La mia settimana #148 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

Si chiude oggi un’altra settimana parlamentare dedicata al lavoro delle Commissioni.

Alla Camera è proseguito il ciclo di audizioni sul decreto Sostegni-bis. Si tratta di un provvedimento che ha messo in campo i 40 miliardi che abbiamo stanziato con lo scostamento di bilancio approvato in Parlamento. Vengono rinnovate molte importanti misure come i ristori a fondo perduto a imprese e liberi professionisti (articolo 1), il credito d’imposta per gli affitti commerciali (articolo 4), il taglio dei costi fissi delle bollette (articoli 5 e 6), il sostegno alla liquidità delle imprese (articolo 13), il credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione (articolo 32), 4 ulteriori mensilità di reddito di emergenza. Sono stati destinati oltre 3 miliardi per compensare le minori entrate e garantire i servizi di regioni ed enti locali. In particolare: 1 miliardo per il pagamento dei debiti commerciali degli enti territoriali (art. 21); 500 milioni di euro per favorire l’equilibrio di bilancio degli enti locali in deficit strutturale (art. 52); 600 milioni ai Comuni per ridurre la TARI alle imprese (art. 6); 50 milioni per le città d’arte (art. 7); 500 milioni per gli interventi di solidarietà alimentare e sostegno alle famiglie (art. 53); +135 milioni al fondo per le politiche della famiglia e potenziamento dei centri estivi e + 30 milioni al Fondo per le politiche giovanili; +100 milioni al Fondo per ristorare i Comuni dalle minori entrate derivanti dalla mancata riscossione dell’imposta di soggiorno; + 450 milioni al Fondo per il trasporto pubblico locale.

In settimana è stato incardinato alla Camera dei Deputati un altro importante decreto contenente l’organizzazione della governance che dovrà gestire le risorse del Recovery plan e una semplificazione delle procedure amministrative e burocratiche per l’attuazione dei progetti del Piano. Si prevede, in particolare, una cabina di regia presso la Presidenza del Consiglio che potrà coinvolgere i ministri interessati per materia e anche i governatori delle Regioni, un tavolo permanente al quale parteciperanno anche le parti sociali e una segreteria tecnica che rimarrà in carica fino alla completa esecuzione del Piano. Al fine di garantire la realizzazione di tutti i progetti in modo uniforme sull’intero territorio nazionale, si prevede la possibilità delle amministrazioni centrali di sostituirsi alle regioni o enti locali che dovessero rallentare o risultare inadempienti.

Sono state anche introdotte importanti semplificazioni normative in tema di transizione ecologica e digitale, appalti pubblici e superbonus 110%. Siamo riusciti a resistere alle pressioni degli altri partiti che volevano abolire il codice degli appalti e introdurre il criterio del massimo ribasso. Due modifiche che avrebbero esposto a forti rischi di infiltrazioni criminali nelle gare pubbliche. Al tempo stesso siamo riusciti ad introdurre delle disposizioni di semplificazione per il Superbonus 110%. In ogni caso, cercheremo di migliorare il provvedimento nel corso dell’iter di conversione in legge in Parlamento.

Nella giornata di giovedì in Commissione Affari costituzionali è proseguito l’esame del disegno di legge volto a semplificare e a digitalizzare gli oneri per la nomina dei rappresentanti di lista alle elezioni. Si è volto il seguito dell’esame del disegno di legge che modifica anche lo svolgimento delle consultazioni europee e referendarie permettendo il voto dei fuori sede e introducendo la novità delle urne semi-trasparenti per consentire la verifica della sola presenza di schede elettorali al loro interno. Sono anche proseguite le audizioni sulla sentenza della Corte Costituzionale che ha evidenziato una mancanza nell’ordinamento di una disciplina legislativa che assicuri l’accesso alla tutela giurisdizionale in caso di decisioni lesive del diritto di elettorato passivo e le audizioni sul disegno di legge contenente norme per promuovere l’equilibrio di genere negli organi di vertice dell’amministrazione.

Sempre nel corso di questa settimana, il 2 giugno, si è svolta a Trapani la cerimonia organizzata per il 75° anniversario della Repubblica Italiana nel corso della quale è stata deposta una corona d’alloro al Monumento ai Caduti in Piazza Vittorio Veneto. È stata anche l’occasione per conoscere personalmente il nuovo Prefetto, Filippina Cocuzza, alla quale va il mio augurio di buon lavoro. Sono certo che avremo l’occasione di avviare insieme un proficuo percorso nell’interesse del nostro territorio.

Come annunciato da Giuseppe Conte, ieri sera è stato raggiunto l’accordo con l’associazione Rousseau per il definitivo passaggio dei dati degli iscritti al MoVimento 5 Stelle. Adesso potremo finalmente dare inizio ad una fase nuova che ci permetterà di portare avanti con maggiore forza e determinazione il percorso di cambiamento avviato, partendo come sempre dall’indispensabile contributo di tutta la nostra comunità!

Share
Back to top