Voto ai diciottenni Senato: riforma storica che migliora la democrazia

Voto ai diciottenni Senato: riforma storica che migliora la democrazia

Voto ai diciottenni Senato: riforma storica che migliora la democrazia 1280 720 Vincenzo Maurizio Santangelo

La definitiva approvazione del disegno di legge costituzionale che permette ai diciottenni di votare anche per eleggere i senatori rappresenta un’importantissima conquista democratica.

Con il voto di oggi arriva a conclusione un lungo iter legislativo che ho anche avuto l’onore di seguire direttamente nel corso della prima deliberazione come Sottosegretario per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta. Si è sempre detto che i nostri giovani rappresentano il futuro, io credo che loro debbano rappresentare non solo il futuro, ma anche il presente del nostro Paese.

Proprio per questo ci siamo battuti per portare a conclusione il percorso di riforma costituzionale previsto dall’articolo 138 della Costituzione volto ad eliminare un anacronistico limite al diritto di elettorato attivo per l’elezione del Senato della Repubblica, tra i più alti presenti nelle democrazie europee.

È sui giovani che avranno effetto le decisioni politiche che oggi il Parlamento è chiamato a prendere, pertanto è loro diritto determinarne l’indirizzo politico ed essere pienamente rappresentati in entrambi i rami dello stesso.

Share
Back to top